Test d'acquisto

Prassi

Lo scopo principale dei test d’acquisto è la prevenzione. Servono infatti a sensibilizzare il personale di vendita al divieto di consegnare bevande alcoliche a giovani di età inferiore a 16 o 18 anni. In mancanza di una base legale, i risultati di tali acquisti non possono essere utilizzati come mezzi di prova in una procedura penale né comportare una multa. Per contro, possono essere seguiti da misure amministrative come la revoca della patente. I test d’acquisto sono effettuati da istituzioni private e da autorità.

L’Amministrazione federale delle dogane (AFD) pubblica annualmente un rapporto sui test d’acquisto di alcol in Svizzera.

Nel 2017, in Svizzera sono stati effettuati 7225 test d’acquisto di alcol. Nel 29 per cento circa dei casi sono state vendute bevande alcoliche, benché gli acquirenti non avessero ancora raggiunto l’età minima fissata dalla legge. Le vendite illegali sono dunque diminuite di poco più di 3 punti percentuali rispetto all’anno precedente. Probabilmente tale calo è dovuto innanzitutto al riorientamento dei test d’acquisto.

La legge vieta di vendere birra e vino ai minori di 16 anni e bevande spiritose a chi ha meno di 18 anni (nel Canton Ticino la vendita di tutte le bevande alcoliche è vietata a persone minori di 18 anni). Tale divieto viene però regolarmente infranto. I risultati dei test d’acquisto effettuati nel 2017 lo confermano nuovamente, anche se la quota delle vendite illegali è diminuita di circa 3 punti percentuali rispetto all’anno precedente (28,7 % nel 2017 rispetto al 32 % nel 2016). Il numero di test d’acquisto è parimenti diminuito, passando da 8496 nel 2016 a 7225 nel 2017.

Risultati che variano in funzione dei punti vendita…

Come negli anni precedenti, i risultati dei test d’acquisto effettuati nel 2017 variano in funzione dei punti vendita. Le percentuali delle infrazioni si situano, ad esempio, al 44 per cento in occasione di eventi e feste, al 38 per cento nei bar e al 31 per cento nei ristoranti. Esse sono dunque molto più elevate che in altri punti vendita come le stazioni di servizio (13,7 %) o le catene di negozi (24 %), le quali si situano ampiamente al di sotto della media.

… e degli acquirenti

L’analisi dei risultati mostra inoltre che maggiore è l’età degli acquirenti, più la percentuale di vendite illegali aumenta. Infatti, se tale percentuale è del sei per cento tra gli adolescenti di 13 anni, essa è più di quattro volte superiore (25 %) tra i giovani di 17 anni. Sono questi ultimi infatti che, effettuando acquisti in gruppo, riescono il più sovente a ottenere alcol in modo illegale (41 %).

Linee direttive

La guida relativa ai test d’acquisto serve da base per tutta la Svizzera e contiene numerose indicazioni pratiche. Queste ultime permettono a Cantoni, Comuni, città e organizzazioni non governative di svolgere i loro test d’acquisto su una base identica e di confrontare i dati così raccolti con quelli di altri enti. La guida comprende i progetti e le basi che la Croce Blu, le autorità cantonali e gli organismi di prevenzione hanno creato e che sono già stati testati sul terreno.

Piattaforma elettronica per il rilevamento dei dati

Utilizzata in tutta la Svizzera, la piattaforma www.tkdb.ch si fonda su un modello della Croce Blu. Essa permette un rilevamento coordinato e uniforme dei dati.

Grazie a tale piattaforma è possibile elaborare i questionari e selezionare le rubriche in funzione dei vari gruppi target. Essa può essere altresì impiegata per i test d’acquisto di altri prodotti come giochi o sigarette. La sicurezza è garantita, dato che i dati sono salvati in uno spazio riservato agli utenti.

 

Contatto

Divisione alcol e tabacco

Amministrazione federale delle dogane
Divisione alcol e tabacco
Sezione mercato dell'alcol e pubblicità
Route de la Mandchourie 25
2800 Delémont

Tel.
+41 58 462 65 00
Fax
+41 58 463 18 28

khw@ezv.admin.ch

Stampare contatto

https://www.ezv.admin.ch/content/ezv/it/home/temi/alcohol/praevention_jugendschutz/praeventionsinstrumente/testkaeufe.html