Veicoli (autovetture)

I veicoli non imposti (non sdoganati) vanno dichiarati spontaneamente al confine presso la dogana svizzera per il trattamento doganale. La dichiarazione doganale può essere effettuata solo durante l'orario d'ufficio presso un ufficio doganale per merci commerciabili.
Se si desidera un'imposizione all'interno della Svizzera, i collaboratori della dogana o del Cgcf allestiscono un certificato d'annotazione (mod. 15.25) valido per i due giorni lavorativi successivi.

Immatricolazione

Per essere ammessi alla circolazione in Svizzera i veicoli devono soddisfare alle disposizioni svizzere in materia di costruzione e di equipaggiamento. Un certificato di conformità CE (Certificate of Conformity CoC) agevola la messa in circolazione senza il controllo delle emissioni foniche e dei gas di scarico.
A seconda dell'età del veicolo è consigliabile informarsi presso l'Ufficio della circolazione stradale del proprio Cantone di residenza sulle prescrizioni tecniche e le condizioni di immatricolazione.

Attenzione: i veicoli importati per uso proprio possono essere esonerati dall'approvazione del tipo solo se sono immatricolati a nome del destinatario/importatore. A tal fine sono determinanti le istruzioni dell'Ufficio federale delle strade.

Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente link: asa - Associazione dei servizi della circolazione (link in tedesco e francese).

Per importare un veicolo circolante sulle proprie ruote (non su rimorchio), occorre di regola procurarsi una targa di controllo estera di validità limitata. A tale proposito è necessario informarsi presso il Paese d'esportazione o il venditore.
L'immatricolazione presso l'Ufficio cantonale della circolazione stradale (controllo dei veicoli a motore) è possibile unicamente con il rapporto di perizia (mod. 13.20A) timbrato dalla dogana svizzera, compreso il numero di matricola assegnato da quest'ultima.

Prescrizioni sulle emissioni di CO2 per le autovetture
L'obiettivo della Confederazione è quello di ridurre le emissioni medie di CO2 nelle nuove autovetture. Esse non devono emettere più di 130 grammi di CO2 per chilometro; in caso contrario a partire dal 1° luglio 2012 verrà inflitta una sanzione in occasione della prima messa in circolazione. Tuttavia tale sanzione non verrà riscossa all'atto dell'imposizione all'importazione, ma fatturata a posteriori dall'Ufficio federale delle strade (USTRA). Occorre dunque tenere conto del fatto che, in futuro, al momento dell'importazione di autovetture private, oltre alle spese di imposizione, a posteriori verrà inflitta una sanzione se le emissioni superano il suddetto valore. Per maggiori informazioni in proposito consultare il link dell'Ufficio federale dell'energia

www.astra.admin.ch/emissioni di CO2 delle automobili

Per l'imposizione occorre presentare alla dogana i seguenti documenti:

  • fattura o contratto d'acquisto;
  • licenza di circolazione, certificato di immatricolazione (anche se già annullati); 
  • documento d'identità (passaporto, carta d'identità ecc.);
  • dichiarazione doganale d'importazione; 
  • ev. prova dell'origine del venditore.

Tributi doganali

Le aliquote di dazio sono uguali sia per i veicoli usati sia per quelli nuovi. Per le autovetture variano tra i 12 e i 15 franchi per 100 chilogrammi lordi (a seconda della cilindrata e del peso del veicolo in prontezza di marcia).
L'aliquota per le motociclette è di 37 franchi per 100 chilogrammi lordi.

Nella tariffa doganale elettronica "Tares" sono disponibili ulteriori dettagli: www.tares.admin.ch. Per trovare la voce di tariffa corretta, al link sottostante inserire la voce di tariffa 8703 nella rubrica «Ricerca con voce di tariffa», oppure inserire il termine di ricerca «Autoveicoli da turismo» nella rubrica «Ricerca con il testo».

Accordi di libero scambio/regime preferenziale

I veicoli originari di Stati con i quali è stato stipulato un accordo di libero scambio o di Paesi in via di sviluppo possono essere importati in franchigia di dazio (regime preferenziale). Per beneficiare di un'importazione fruente di agevolazioni doganali è necessario presentare una prova dell'origine valida.

Di regola il regime preferenziale viene concesso solo per i veicoli importati direttamente dal Paese d'origine. L'UE (con tutti gli Stati membri) è considerata come un unico Paese. Dai seguenti documenti sono desumibili ulteriori dettagli: D.30 Accordi di libero scambio et Accordi di libero scambio, origine.

Imposta sugli autoveicoli

L'importazione di veicoli e determinati autofurgoni e furgoncini soggiace all'imposta sugli autoveicoli. L'aliquota corrisponde al 4 per cento del valore del veicolo (inclusi i tributi doganali e IVA esclusa).
Le motociclette non soggiacciono all'imposta sugli autoveicoli.

Emolumenti: rapporto di perizia

L'immatricolazione presso l'Ufficio cantonale della circolazione stradale (controllo dei veicoli a motori) è possibile unicamente con il rapporto di perizia (mod. 13.20A) timbrato dalla dogana svizzera. Il modulo è consegnato all'atto dell'imposizione dietro pagamento di 20 franchi.

IVA sull'importazione

L'IVA per i veicoli ascende all'8 per cento della base di calcolo.

Di regola la base di calcolo comprende la controprestazione che la persona paga o ha pagato per il veicolo, incluso il valore di un veicolo di cambio eventuale. A tal fine ci si fonda sulla fattura o sul contratto di acquisto.
In determinati casi si tiene conto del valore di mercato, p. es. in caso di donazioni. Tale valore corrisponde all'importo che un altro acquirente dovrebbe pagare per il bene.

A questa base di calcolo vengono aggiunte le spese sino al luogo di destinazione in territorio svizzero, i tributi doganali, l'imposta sugli autoveicoli nonché tutti gli emolumenti.
L'IVA estera può essere dedotta dal valore della merce se figura sulla fattura o sul contratto di acquisto del venditore.

Per la conversione in franchi svizzeri della controprestazione o del valore di mercato indicati in valuta estera è determinante il corso del cambio (vendita) in borsa la vigilia della nascita del debito fiscale, di regola il giorno precedente. Corsi dei cambi (vendita).

Se sussistono dubbi circa l'esattezza della dichiarazione doganale o mancano indicazioni del valore, il verrebbe proceduto alla stima del valore. Ciò può portare a tributi più elevati.

Pagamento dei tributi

Per principio, i tributi all'importazione vanno pagati in contanti direttamente sul posto.

Di regola, le agenzie di sdoganamento nonché le imprese di spedizione o di logistica incaricate del disbrigo delle formalità doganali versano i tributi e li fatturano successivamente al mandante.
Non abbiamo alcuna influenza sulle tasse per il disbrigo di tali ditte. Occorre chiarire già prima dell'importazione chi si occuperà dell'imposizione (v. anche lista membri SPEDLOGSWISS). Non possiamo fornire raccomandazioni riguardo a imprese o agenzie.

A coloro che effettuano regolarmente importazioni si consiglia di utilizzare la procedura accentrata di conteggio dell'Amministrazione delle dogane (PCD).

Indicazioni

All'atto della reimportazione, dopo il trattamento all'estero, di un veicolo imposto e immatricolato in Svizzera valgono le disposizioni generali: Informazioni per privati.

Per i veicoli di immigranti valgono disposizioni particolari (informazioni: FAQ Trasloco).

Per ulteriori informazioni relative ai veicoli di lavoratori e studenti stranieri è possibile rivolgersi alle direzioni di circondario.

Veicoli in leasing

I veicoli finanziati tramite banca (leasing) sono trattati allo stesso modo di quelli pagati in contanti. L'istituto finanziario deve essere d'accordo con l'esportazione del veicolo. Il finanziamento può influire sull'immatricolazione in Svizzera. Per informazioni occorre rivolgersi al competente Ufficio della circolazione stradale: asa - Associazione dei servizi della circolazione.

Nostri orari d'apertura e indirizzi

Per l'imposizione doganale di merci commerciabili occorre osservare gli orari di apertura degli uffici doganali. È possibile effettuare le dichiarazioni doganali da lunedì a venerdì durante gli orari d'imposizione. Alcuni uffici doganali sono aperti anche il sabato mattina.

Per gli orari d'apertura cliccare sul link: Indirizzi degli uffici doganali.

Amministrazioni doganali estere

Non è possibile fornire informazioni sulle prescrizioni estere in materia doganale. A tale proposito occorre contattare la rispettiva Amministrazione doganale estera.

https://www.ezv.admin.ch/content/ezv/it/home/informazioni-per-privati/veicoli-stradali-e-imbarcazioni/importazione-in-svizzera/veicoli--autovetture-.html