Cifra del mese 2013

32 %

Le importazioni di decorazioni natalizie (eccetto candele e luci) avvengono sempre più spesso già nei mesi estivi. Nel 2012, in termini di valore circa un terzo degli addobbi natalizi (statuine da presepe, alberi di Natale artificiali, palline ecc.) è stato importato nei mesi di luglio e agosto. Nel 1990, nello stesso periodo arrivava in Svizzera solo il 16 per cento di queste merci. (01.12.2013)

80

Le esportazioni svizzere volano via! L’anno scorso, la Svizzera, ha esportato per via aerea merci per un totale di 80 miliardi di franchi. In termini di valore, ciò corrisponde al 36 % di tutte le esportazioni. La maggioranza delle merci esportate proveniva dall’industria chimica e da quella meccanica. Ulteriori informazioni a tal riguardo sono consultabili al sito qui aggiunto. (01.11.2013)

1/4

Fra ottobre 2012 e marzo 2013, un quarto delle uve importate in Svizzera proveniva da un Paese dell’emisfero sud. Nel seguente semestre estivo la sua quantità corrispondeva a un decimo. Anche se su tutto l’arco dell’anno l’Italia è rimasta il fornitore principale, in inverno il volume di uve fresche importato, soprattutto dal Sudafrica e dal Brasile, è stato superiore. In totale le importazioni di uva nel periodo invernale hanno subito un calo del 30 %. Il prezzo medio all’importazione è aumentato di 34 centesimi, passando dai 2.05 franchi pagati in estate ai 2.39 franchi in inverno. (01.10.2013)

1 249 865

„Le teste sagge si proteggono“. Non solo grazie a questo slogan, la Svizzera ha importato l’anno scorso 1 249 865 cosiddetti “copricapo di sicurezza”. Fra questi troviamo i più tipici, come i caschi per ciclisti, per motociclisti, per sciatori, per giocatori di hockey e quelli per muratori e minatori. Quasi la metà dei prodotti proveniva dalla Cina. (01.09.2013)

111

Le importazioni di birra hanno raggiunto nel 2012 la quantità record di 110, 8 milioni di litri, di cui, senza grossa sorpresa, più della metà proveniente dalla Germania. Soltanto per quanto riguarda le importazioni di birra in bottiglia non è il nostro vicino tedesco, bensì il Portogallo a guidare la classifica con 13,3 milioni di litri. (01.08.2013)

52%

La Croazia, nuovo Paese membro dell’UE, occupa tuttora il 63° rango nell’elenco dei Paesi dai quali la Svizzera importa merci. Negli scambi commerciali per prodotti elvetici, si piazza al 71° rango. Il commercio si concentra sull’industria chimico-farmaceutica, come lo testimoniano le cifre del 2012, con il 52 % di prodotti esportati in Croazia. (01.07.2013)

13 906 tonnellate

Nel 2012 le importazioni di olio d’oliva hanno raggiunto la cifra record di 13 906 tonnellate. Si è trattato quasi esclusivamente di olio vergine d’oliva, proveniente per la maggior parte dall’Italia (62 %) e dalla Spagna (25 %). Il valore medio si è attestato a 5,20 franchi al chilo. (01.06.2013)

463 101

E anche nel bel mese di maggio continua a soffiare il “föhn”: stagione dopo stagione, la domanda di asciugacapelli è presente tutto l’anno. Nel 2012, la Svizzera ha importato 463 101 apparecchi, tre quarti dei quali provenienti dalla Cina. Al secondo posto tra i Paesi fornitori si è posizionata la Germania, dalla quale la Svizzera ha importato 68 519 pezzi. (01.05.2013)

6.6 kg pro capite

Le importazioni svizzere di pesce ammontavano nel 2012 a 6.6 kg pro capite. Particolarmente apprezzato è stato il salmone, il quale rappresentava il 23 % delle importazioni. Con una quota del 15 %, la Germania si è aggiudicata il primo posto tra i Paesi fornitori di pesce della Svizzera, seguita da Danimarca, Tailandia e Norvegia. (01.04.2013)

38%

Modaiole? Per ogni donna residente in Svizzera vengono importati mediamente 1.8 abiti da donna all’anno. Stagione di punta è la primavera: il 38 % delle importazioni si concentrano infatti nei mesi di marzo, aprile e maggio. Nel 2012 tali importazioni ammontavano a 80 franchi per donna. (01.03.2013)

1,1 miliardi

Per il periodo da gennaio a novembre, le esportazioni svizzere verso l’Italia sono diminuite nel 2012 di 1,1 miliardi di franchi rispetto all’anno precedente; ciò corrisponde ad un calo del 7 %. Ad eccezione dell’industria orologiera, tutti i settori hanno registrato una riduzione delle vendite verso il terzo mercato in ordine di importanza per l’export svizzero. (01.02.2013)

-13 %

Nel corso degli ultimi cinque anni sono state esportate mensilmente 6290 tonnellate di cioccolato. Questa quantità media viene addolcita dal commercio natalizio nei mesi di punta della stagione, settembre e ottobre, durante i quali si registra in media una quantità esportata un quinto superiore. Con esportazioni del 13 % inferiori alla media mensile, nel mese di gennaio si rivelano invece i postumi di questa overdose zuccherina. (01.01.2013)

https://www.ezv.admin.ch/content/ezv/it/home/temi/statistica-del-commercio-estero-svizzero/pubblicazioni/cifra-del-mese/zahl-des-monats-2013.html