Cifra del mese 2016

18 milioni di litri

ZDM_2016_12

Nel 2015 la Svizzera ha importato 18 milioni di litri di vini spumanti per un valore totale di 178 milioni di franchi. La quantità importata è così aumentata del 40 % rispetto a quella di 10 anni fa. Più della metà di questi vini frizzanti proveniva dall'Italia, seguita da Francia e Spagna. Piccola curiosità: il prezzo per litro di vino spumante francese (21.80 franchi) è di quattro volte superiore a quello italiano o spagnolo. (01.12.2016)

2 milioni

Sensibilizzati dalle temperature autunnali più fredde, gli automobilisti svizzeri si equipaggiano di pneumatici invernali. Da più di 20 anni la maggior parte di questo tipo di gomme viene importata nel terzo trimestre. Le importazioni del periodo luglio - settembre 2016 hanno raggiunto la cifra di 2 milioni di copertoni nuovi, di cui un quarto provenienti dalla Germania. (01.11.2016)

6119 tonnellate

Nell'agosto 2016 la Svizzera ha importato 6119 tonnellate di uve fresche, di cui il 94 % proveniva dall'Italia. La maggior parte delle uve fresche vengono importate nei mesi di agosto, settembre e ottobre. (01.10.2016)

25 000 tonnellate di angurie

Niente di più rinfrescante di un'anguria! Nei mesi di maggio, giugno, luglio e agosto 2015 sono state importate in Svizzera ben 25 751 218 kg di angurie - con le punte massime in luglio. Ciò corrisponde ad una media di 3,1 kg per abitante. La maggior parte delle importazione proveniva dall'Italia e dalla Spagna. (01.09.2016)

1 litro

Nel 1° semestre 2016 la Svizzera ha importato 200 milioni di litri di acqua minerale. Ciò corrisponde ad un consumo pro capite di un litro alla settimana. Il 91 % dell'acqua importata proviene dai nostri due Paesi confinanti, Francia e Italia. (01.08.2016)

+ 20 %

Nei primi cinque mesi del 2016, la Svizzera ha importato il 20 % in più di televisori rispetto all'anno precedente, anno nel quale le importazioni hanno toccato un minimo storico. In questo modo, gli Svizzeri si sono equipaggiati al meglio per una comoda serata di calcio davanti alla televisione. Le importazioni di apparecchi TV ammontavano a 300 000 unità, per un valore di 150 milioni di franchi. Il prezzo medio per apparecchio era di 501 franchi. (01.07.2016)

17 000

Nel primo trimestre del 2016 la Svizzera ha importato 17 000 canne da pesca per un valore di 544 000 franchi. In termini di valore le canne da pesca vengono importate principalmente da due Paesi, vale a dire il 46 per cento dalla Cina e il 40 per cento dalla Germania. È particolarmente interessante notare che le canne da pesca provenienti dalla Germania sono quasi tre volte più costose rispetto a quelle cinesi. (01.06.2016)

3700 tonnellate di fragole

In marzo (2016) sono state importate in Svizzera 3700 tonnellate di fragole ad un prezzo medio di 3.70 franchi al chilo. In base ai dati degli scorsi anni si suppone che in aprile le importazioni saliranno ulteriormente di circa 1300 tonnellate. Nei due mesi citati si concentra solitamente all'incirca il 60 % dell'import annuale. (01.05.2016)

3° posto mondiale

La Svizzera risulta da anni il terzo maggior paese esportatore di spazzolini da denti a livello mondiale, dietro Cina e Germania (fonte: UN Comtrade). Nel 2015, il valore degli spazzolini da denti che hanno lasciato la Svizzera ammontava a 141 milioni di franchi; quasi la metà di essi è stata spedita negli Stati Uniti oppure in Germania. (01.04.2016)

1 242 963

Nel 2015 la Svizzera ha importato complessivamente 1 242 963 macchine da caffè e tè. Il maggiore fornitore è la Cina, con 843 985 apparecchi. Al secondo posto vi è l'Ungheria (con una quota del 12 %), seguita da Italia e Portogallo (circa il 5 % ognuno). (01.03.2016)

208 tonnellate

Nel 2015, la Svizzera ha importato 208 tonnellate di cannella. Lo Sri Lanka, con una quota del 50 %, è il principale fornitore di questa spezia. Un ulteriore 20 % giunge dai Paesi Bassi. La quantità importata rappresenta 25 grammi per abitante della Confederazione. (01.02.2016)

+ 76 %

Puntuali ad inizio anno: la Svizzera ha importato, tra gennaio e dicembre 2015, 2 223 289 kg di calendari. La quantità importata è cresciuta del 76 % rispetto a venti anni fa. Questo potrebbe indicare che pure l'uomo contemporaneo apprezza, accanto a numeri e date digitali, la presenza di un calendario materiale nella propria vita quotidiana. (01.01.2016)

https://www.ezv.admin.ch/content/ezv/it/home/temi/statistica-del-commercio-estero-svizzero/pubblicazioni/cifra-del-mese/cifra-del-mese.html