Informazioni sul traffico di confine

30.07.2020: Coronavirus - dal 3 agosto 2020 è ammessa l’entrata di cittadini di Stati terzi che visitano il proprio partner in Svizzera

Il 20 luglio 2020 il Consiglio federale ha revocato tutte le limitazioni d’entrata nei riguardi dei primi dodici Stati all’infuori dell’UE/AELS. In provenienza da tutti gli altri Stati terzi, invece, l’entrata in Svizzera in vista di un soggiorno breve continua a essere ammessa soltanto in casi eccezionali. Dal 3 agosto 2020 è nuovamente ammessa l’entrata in Svizzera di cittadini di Stati terzi che visitano il proprio partner in Svizzera, tuttavia a condizione che possano dimostrare la loro relazione. In tutti i casi le persone provenienti da Stati e regioni con rischio elevato di contagio sottostanno all’obbligo di quarantena.


01.07.2020: Coronavirus - obbligo della mascherina sui mezzi pubblici, quarantena per i viaggiatori provenienti da regioni a rischio, revoca di determinate restrizioni d’entrata dal 20 luglio

Nella sua seduta del 1° luglio 2020, il Consiglio federale ha adottato diversi provvedimenti per prevenire l’insorgenza di nuovi focolai di coronavirus. Visto l’aumento del traffico passeggeri e, dalla metà di giugno, anche dei nuovi casi d’infezione, ha deciso d’introdurre in tutta la Svizzera l’obbligo della mascherina sui mezzi pubblici da lunedì 6 luglio. I viaggiatori in provenienza da determinate regioni devono inoltre mettersi in quarantena. La revoca delle restrizioni d’entrata in Svizzera per un primo gruppo di Stati terzi è prevista il 20 luglio prossimo.


24.06.2020: Coronavirus -i lavoratori provenienti da Stati terzi possono essere riammessi i lavoratori provenienti da Stati terzi possono essere riammessi  

Dall’11 maggio 2020 le restrizioni d’entrata in Svizzera sono state gradualmente allentate. Il Consiglio federale ha ora deciso di abrogare del tutto a partire dal 6 luglio 2020 le restrizioni per l’ammissione di lavoratori provenienti da Stati terzi – ossia Stati che non sono membri né dell’UE né dell’AELS – dovute al coronavirus. A partire da tale data, i Cantoni tratteranno conformemente ai criteri usuali anche le domande di cittadini di Stati terzi non esercitanti un’attività lucrativa – ad esempio di pensionati. Tuttavia i cittadini di Stati terzi non potranno venire in Svizzera per vacanze: l’entrata per soggiorni esenti da permessi inferiori a 90 giorni continueranno a essere autorizzati soltanto in casi di assoluta necessità.


12.06.2020: Coronavirus - la Svizzera sopprime per tutti gli Stati UE/AELS le restrizioni legate al COVID

Nella seduta del 12 giugno 2020, il Consiglio federale ha preso atto della decisione del DFGP, di sopprimere dal 15 giugno 2020, come annunciato una settimana fa, le vigenti restrizioni d’entrata per tutti gli Stati Schengen. Da tale data, i controlli della Svizzera alle frontiere con questi Stati sono soppressi ed è completamente ripristinata la libera circolazione delle persone con tutti gli Stati UE/AELS e il Regno Unito.


05.06.2020: Coronavirus - la Svizzera apre le frontiere con tutti gli Stati UE/AELS il 15 giugno

Nella seduta del 5 giugno 2020, la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha informato il Consiglio federale che il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) intende revocare le vigenti restrizioni d’entrata nei confronti di tutti gli Stati UE/AELS e il Regno Unito a partire dal 15 giugno.


03.06.2020: Coronavirus - come previsto, la Svizzera aprirà la frontiera con l’Austria il 15 giugno

L’Austria ha deciso di abolire il 4 giugno 2020 i controlli alla frontiera e quelli sanitari nei confronti di sette Paesi limitrofi, tra cui anche la Svizzera. La Svizzera, da parte sua, prevede tuttora di aprire completamente le frontiere con l’Austria, la Francia e la Germania il 15 giugno 2020.


02.06.2020: Coronavirus - la Svizzera mantiene le sue restrizioni d’entrata alla frontiera con l’Italia

L’Italia ha deciso di abolire dal 3 giugno 2020 le proprie restrizioni d’entrata alle frontiere interne di Schengen con i Paesi limitrofi. Poiché ritiene che sarebbe prematuro concedere la reciprocità all’Italia a partire dalla suddetta data, la Svizzera, alla stregua degli altri Paesi limitrofi dell’Italia, ha informato il governo italiano sulla decisione di mantenere fino a nuovo avviso le restrizioni in vigore. I cittadini svizzeri e del Liechtenstein nonché gli stranieri titolari di un permesso di soggiorno svizzero che si recheranno in Italia a partire dal 3 giugno potranno tornare in Svizzera. D’intesa con i Cantoni confinanti, il Consiglio federale prevede di coordinare con gli altri Paesi limitrofi dell’Italia l’apertura delle frontiere svizzere.


15.05.2020: Coronavirus - allentamento delle restrizioni nel traffico al confine tra Austria, Germania e Svizzera

Chi desidera far visita al proprio partner o ai parenti oppure partecipare a importanti eventi di famiglia può di nuovo superare il confine tra Svizzera, Germania e Austria. Lo stesso vale per chi possiede a uso proprio immobili e orti nonché aree agricole, venatorie e forestali. Questi allentamenti valgono anche per chi deve accudire animali.


29.04.2020: le restrizioni d’entrata saranno progressivamente allentate a partire dall’11 maggio

Il Consiglio federale intende allentare progressivamente le restrizioni d’entrata dovute al coronavirus in parallelo alla ripresa graduale dell’economia. Dall’11 maggio, saranno innanzitutto trattate le domande presentate prima del 25 marzo dai lavoratori provenienti dall’area UE/AELS e da Stati terzi (riduzione delle domande pendenti). Inoltre, a partire da questa data, sarà nuovamente possibile per i cittadini svizzeri e dell’UE il ricongiungimento familiare in Svizzera. Restano invece in vigore i controlli alle frontiere. Il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) di preparare queste misure di allentamento.  


29.04.2020: ottimizzazione del traffico delle merci al confine

L’Amministrazione federale delle dogane (AFD) prevede che con le misure di allentamento decise dal Consiglio federale il 16 aprile il traffico delle merci aumenterà notevolmente. D’intesa con le cerchie economiche sono state ottimizzate e ampliate le misure esistenti nonché delineate le prossime tappe per garantire un rapido disbrigo del traffico delle merci commerciabili al confine. Il Consiglio federale è stato informato al riguardo nella sua seduta del 29 aprile 2020.  


16.04.2020: Coronavirus: rimane vietato il turismo degli acquisti

In occasione della sua seduta del 16 aprile 2020, il Consiglio federale ha approvato gli adeguamenti e le precisazioni concernenti l’ordinanza 2 sui provvedimenti per combattere il coronavirus (COVID-19). Tali adeguamenti e precisazioni sono volti a evitare dubbi e malintesi nonché ad apportare chiarimenti per la popolazione. Nello specifico vengono disciplinati in modo esplicito il divieto di effettuare viaggi a scopo di acquisti nonché le disposizioni concernenti le multe.


01.04.2020: Ordinanza 2 COVID-19 - Canalizzazione del traffico di confine


25.03.2020: la Svizzera ha esteso i controlli alla frontiera a tutti gli Stati Schengen

Nella seduta del 25 marzo 2020 il Consiglio federale è stato informato dal Dipartimento federale di giustizia e polizia che le restrizioni d’entrata sono state estese a tutti gli Stati Schengen. Questa misura rafforza ulteriormente la protezione della popolazione dal nuovo coronavirus.  


18.03.2020: La Svizzera estende i controlli alla frontiera e per il momento non rilascia più visti

Per intensificare la protezione della popolazione dal coronavirus, la Svizzera estende le limitazioni di entrata anche alla Spagna. Queste ultime si applicano da subito anche al traffico aereo dall’Italia, dalla Francia, dalla Germania e dall’Austria nonché da tutti gli Stati non membri di Schengen. Inoltre, il Consiglio federale sospende, al momento per tre mesi, il rilascio di visti Schengen e di visti nazionali ai cittadini di Stati terzi. Questi ultimi possono entrare in Svizzera soltanto in casi eccezionali.  


https://www.ezv.admin.ch/content/ezv/it/home/teaser-pagina-iniziale/brennpunkt-teaser/coronavirus/news.html