Tassa d'incentivazione sui composti organici volatili (COV)

I composti organici volatili (COV) sono utilizzati come solventi in molti settori e sono contenuti in diversi prodotti, come nelle pitture, nelle vernici e in alcuni detergenti. Emesse nell'aria, queste sostanze contribuiscono, insieme all'ossido d'azoto, alla formazione di elevate concentrazioni di ozono troposferico (smog estivo). La tassa sui COV viene riscossa dal 1° gennaio 2000 e, in quanto strumento economico per la protezione dell'ambiente, fornisce un incentivo finanziario per la riduzione delle emissioni di COV.

Riscossione della tassa

La riscossione della tassa è definita nell'ordinanza relativa alla tassa d'incentivazione sui composti organici volatili (OCOV). Tra le numerose sostanze organiche considerate come COV, parecchie non sono tuttavia sottoposte alla tassa. Nell'elenco delle sostanze (Allegato 1 OCOV) sono indicati i COV soggetti alla tassa, mentre nell'elenco dei prodotti (Allegato 2 OCOV) figurano le miscele o gli oggetti importati contenenti COV. La tassa viene riscossa o al momento dell'importazione in Svizzera, o al momento della produzione in Svizzera.

Ordinanza con adattamenti temporanei dell’OCOV in seguito al COVID-19

Proroga dell’esenzione dei disinfettanti dalla
tassa d’incentivazione sui COV fino al 31 dicembre 2021

L’esenzione dei disinfettanti per superfici delle voci di tariffa doganale 3808.9410 e 3808.9480 è prorogata fino al 31 dicembre 2021. Durante questo periodo, detti prodotti sono assimilati ai disinfettanti per le mani delle voci di tariffa doganale 3003.9000 e 3004.9000. Poiché la tassa non è più riscossa sulle importazioni dal 15 giugno 2020, a partire dal 31 agosto 2020 solo i produttoriavranno diritto alla restituzione. I produttori di tali prodotti possono richiedere la restituzione della tassa d’incentivazione già pagata direttamente all’Amministrazione federale delle dogane (AFD), sezione COV, imposta sugli autoveicoli, restituzioni.

Procedura di restituzione

I produttori di disinfettanti delle voci di tariffa doganale 3003.9000, 3004.9000, 3808.9410 e 3808.9480 possono richiedere la restituzione della tassa d’incentivazione all’AFD, sezione COV, se per la produzione hanno utilizzato COV soggetti alla tassa. A tale scopo, utilizzano il modulo «Domanda di restituzione per disinfettanti prodotti in Svizzera». Per la quantità di COV oggetto della domanda di restituzione deve essere provato il pagamento della tassa d’incentivazione, inoltrando una copia della decisione d’imposizione della dogana o una copia della relativa fattura, se l’acquisto è avvenuto in Svizzera. Le copie dei giustificativi devono essere allegate alla domanda. La domanda può essere presentata mensilmente, ma non oltre il 31 marzo 2022. Scaduto tale termine decade il diritto alla restituzione. Secondo l’articolo 19 capoverso 1 OCOV, il diritto alla restituzione decade anche se la relativa domanda non viene presentata entro sei mesi dalla fine dell’anno d’esercizio. Se l’importo richiesto è inferiore a 300 franchi, non sarà pagato.

Nota bene: i produttori autorizzati ad acquistare COV provvisoriamente esenti da tasse (procedura d’impegno volontario) chiedono l’esenzione fiscale per i disinfettanti con i numeri di tariffa doganale 3808.9410 e 3808.9480 come parte del loro regolare bilancio COV.

Contatto

Amministrazione federale delle dogane Divisione Imposta sugli oli minerali e tasse incentivazione
Sezione COV, imposta sugli autoveicoli, restituzioni

3003 Berna
Tel.
+41 58 462 65 84
Fax
+41 58 462 70 10

ozd.var@ezv.admin.ch

Stampare contatto

https://www.ezv.admin.ch/content/ezv/it/home/informazioni-per-ditte/imposte-e-tributi/importazione-in-svizzera/tassa-d-incentivazione-sui-composti-organici-volatili--cov-.html