Corsi di guida per più sicurezza sulle quattro ruote

Quando l’ex aerodromo militare di Interlaken si trasforma in una pista di esercitazione con percorsi a slalom, test dell’alce e pista ghiacciata è il momento del corso di guida sicura. Il motto non è «più veloce è, meglio è», bensì «arrivare alla meta in modo rapido e sicuro».

04.11.2019, Caroline Wälti

I collaboratori dell’Amministrazione federale delle dogane (AFD) non rimangono solo fermi presso i valichi di confine svizzeri, ma spesso sono anche in servizio su quattro ruote lungo il confine. Guidare in modo sicuro è un obbligo in qualsiasi situazione, che si tratti di un intervento con luci blu o di un intervento in condizioni meteorologiche particolari (p. es. pioggia, ghiaccio o neve).

BMW X3 beim Fahrsicherheitstraining
I corsi di guida sicura sono una sfida sia per i conducenti che per i pneumatici.

I corsi di guida prevedono un modulo di formazione completo per tutti gli aspiranti nonché un’esercitazione di perfezionamento di una giornata da assolvere regolarmente, almeno però ogni 3–5 anni. Il portafoglio formativo è completato da offerte particolari come corsi di guida con rimorchio o fuori strada per gli specialisti Frontex e dell’ambito della tecnica.

Dalla teoria alla pratica

Forum D. ha avuto la possibilità di partecipare a una di queste esercitazioni di perfezionamento, ma solo dopo aver assolto anche la parte teorica, in cui sono stati trattati, tra l’altro, i seguenti temi: la corretta posizione di seduta, le forze d’inerzia di massa che si presentano quando si accelera, si frena o si guida in curva, il corretto impiego dei sistemi di assistenza e le regole di sicurezza. Come sottolinea più volte nel colloquio Mathias Rosser, capo Guida sicura: «L’obiettivo è che i partecipanti al corso imparino a conoscere i propri limiti e quelli del proprio veicolo, senza correre il rischio di sopravvalutarsi. Benché i corsi di guida siano anche divertenti, la sicurezza rimane sempre al primo posto. Infatti, per principio non eseguiamo alcuna esercitazione che non sia prima stata testata con l’intero team di istruttori».

Mathias Rosser, Chef Fahrtraining
Mathias Rosser, capo Guida sicura, si trova nel suo elemento.

Proprio il fatto di poter mettere in atto praticamente le nozioni teoriche acquisite rende i corsi di guida così efficaci. Calcolare lo spazio di frenata su un suolo ghiacciato è un conto, sentire però il veicolo che durante una frenata d’emergenza slitta sulla pista appositamente preparata è un altro. Chi ha già assolto un corso di guida sicura su neve e ghiaccio con la propria auto sa di cosa si tratta.

La benzina nel sangue

I corsi si evolvono di pari passo con lo sviluppo della tecnica. Pertanto, il programma attuale prevede, oltre alla tecnica di frenata, anche l’utilizzo dei sistemi di guida assistita come l’ESP (controllo elettronico della stabilità), l’ASR (controllo della trazione) e l’ABS (sistema anti bloccaggio). Sul percorso conclusivo i partecipanti danno poi prova delle loro abilità. Su una pista in parte ghiacciata devono combinare le singole esercitazioni svolte durante il corso e assolvere nel modo più rapido ma allo stesso tempo più sicuro possibile il percorso di slalom eseguendo tutte le manovre necessarie. Durante un intervento reale, a seconda della situazione con luce blu e avvisatore a suoni alternati, i conducenti sono infatti sottoposti ad un’enorme pressione. Per simulare questi casi reali, a Interlaken vengono allenati i riflessi e ci si esercita ad aggirare i coni stradali. La redattrice di Forum D., sotto la competente istruzione di Mathias Rosser, ha potuto assolvere lei stessa alcune esercitazioni e, dopo l’iniziale cautela durante la prima frenata d’emergenza, si è divertita molto.

Il luccichio negli occhi del capo Guida sicura quando parla di spazi di frenata e fattori di sicurezza svela la sua passione. Quando gli è stato chiesto se le automobili lo affascinavano da sempre, ha infatti risposto sorridendo: «Ho la benzina nel sangue. I veicoli a motore mi interessavano già da piccolo e il mio tempo libero lo passo su due o quattro ruote». Il suo team di istruttori condivide questa passione. Tra loro vi è infatti anche un co-organizzatore del rally del Vallese e vari corridori o corridori fuoristrada appassionati. Non sorprende quindi che il team elabori e provi insieme nuove esercitazioni. Solitamente l’ispirazione viene da discussioni tecniche con colleghi, formatori o mentori nel settore della guida sicura e della corsa. Di certo non mancano le idee per nuove esercitazioni. Gli istruttori si preparano reciprocamente all’interno del team (learning by doing) e ogni due anni assolvono una formazione in un centro per guida sicura esterno.

Fahrinstruktoren des KOSIT
Un team affiatato e con molta esperienza: gli istruttori di guida del KOSIT.

Fatti e cifre sui corsi di guida sicura

Il Centro di competenze per la sicurezza, l’intervento e la tecnica (KOSIT) a Interlaken è responsabile della pianificazione, del coordinamento e dello svolgimento dei corsi di formazione e di perfezionamento negli ambiti della sicurezza, dell’intervento e della tecnica (SIT), dei cani di servizio e dei corsi di guida sicura. Da circa 19 anni l’AFD svolge questi corsi sull’ex aerodromo militare di Interlaken.

  • Ogni anno nel KOSIT vengono svolti circa 90 corsi di guida, ai quali partecipano circa 900 persone.
  • Il 30 per cento dei corsi è destinato ad autorità federali esterne all’AFD o ai Cantoni.
  • Anche la polizia cantonale di Berna utilizza l’infrastruttura per svolgere i propri corsi di guida sicura.
  • Nei corsi vengono impiegati 60 veicoli non più in servizio ma ancora sicuri nonché 16 veicoli logistici e rimorchi.
  • Dal 2010, 150 veicoli hanno «prestato» il loro ultimo servizio nei corsi di guida sicura.
  • Ogni anno sull’aera del KOSIT durante i corsi vengono percorsi circa 40 000 km.
  • Attualmente sono 20 gli istruttori che tutto l’anno, con molta passione, insegnano ai partecipanti come guidare in modo sicuro.
  • Ogni anno il KOSIT utilizza 100 secchi (corrispondenti a 1,25 t) di rivestimento apposito per simulare una carreggiata ricoperta di neve e ghiaccio per la pista lunga 1,1 km.
  • In media, dopo ogni sesta esercitazione, i pneumatici dei veicoli utilizzati nei corsi devono essere sostituiti dal meccanico interno al KOSIT.
  • La sicurezza prima di tutto: in 19 anni di corsi di guida sicura si sono verificati finora soltanto cinque incidenti. Da quando vengono utilizzati veicoli con l’ESP, non ci sono più stati incidenti. Ci auspichiamo che rimanga così.

Immagini

https://www.ezv.admin.ch/content/ezv/it/home/documentazione/pubblicazioni/forum-d---la-rivista-della-dogana-svizzera/nah-dran/fahrsicherheitstraining.html