Storia della dogana

Aneddoti e informazioni interessanti sulla storia della DOGANA e del Corpo delle guardie di confine.

«Una mitragliatrice posizionata alla finestra del posto»

La mobilitazione generale alla fine di agosto del 1939 rappresentò l’inizio di un periodo incerto anche per le guardie di confine svizzere. L’allegato all’«Orientation du poste» del posto guardie di confine di Fahy, relativo agli avvenimenti nel settore di Fahy durante la guerra 1939/1945 fino al 31 dicembre 1946, racconta lo stato di emergenza e di come le guardie di confine hanno vissuto quel periodo.

«Il posto guardie di confine Fahy è molto esposto ai venti…»

Per molto tempo gli «Orientation du poste» sono stati per il personale del CGCF un importante strumento per l’esecuzione del servizio. Negli ultimi decenni, però, queste interessanti testimonianze sono un po’ cadute nell’oblio. Abbiamo sfogliato le pagine dei vecchi «Orientation du poste» del posto guardie di confine Fahy I.

Cippi di confine spostati

La zona di confine più a nord della Svizzera, la catena collinare del Randen, è una zona che ispira la narrazione. Forum D. ha visitato il luogo dove il «vecchio Hagedorn» compiva i suoi misfatti.

Alla scoperta della parola «dogana»

Da dove provengono le parole «dogana», «douane» e «Zoll»? Da molto lontano e con la sorprendente particolarità di essere «imparentate» con un divano.

La Pietra nera di Bargen

Il tracciato di confine germano-svizzero lungo la catena collinare del Randen, che domina il comune di Bargen, è considerato un tracciato complicato per la sua forma bizzarra e il suo andamento irregolare. Nel territorio di Bargen si trova il punto più a nord della Svizzera ossia la Pietra nera. Forum D. si è recato sul posto per saperne di più.

L’edificio doganale fu trasformato in una fortezza

Con la Seconda guerra mondiale anche per il Corpo delle guardie di confine iniziò lo stato di emergenza. Nell’«Orientation du poste» (cronache del posto) le guardie di confine di Réclère-Grottes (Canton Giura) hanno tramandato ai posteri come hanno vissuto il servizio quotidiano durante la guerra.

L’«Orientation du poste» del posto guardie di confine di Réclère-Grottes

Per molto tempo l’«Orientation du poste» è stato per il personale del CGCF un importante strumento per l’esecuzione del servizio. Negli ultimi decenni però questa fonte è un po’ caduta nell’oblio. Forum D. ha sfogliato nel vecchio «Orientation du poste» del posto guardie di confine di Réclère-Grottes.

Wallbach (Argovia, Svizzera) e Wallbach (Bad Säckingen, Germania): due perle incastonate sulle sponde del Reno

In Svizzera esistono alcune località di confine che portano lo stesso nome di luoghi esteri situati nelle immediate vicinanze del confine nazionale. Sulle tracce del passato, Forum D. è andato alla ricerca di ciò che accomuna Wallbach (Argovia) con Wallbach (Bad Säckingen).

Dalla caserma delle guardie di confine al Campus AFD (parte 3)

Nel 2019 verranno effettuati lavori di riparazione e manutenzione agli edifici e nell’area del Campus AFD. Per l’occasione, in una serie di tre articoli verranno illustrate le origini dell’attuale Campus AFD e il suo sviluppo. Il terzo contributo racconta di come la scuola doganale federale fu sostituita dal Centro di formazione dell’Amministrazione federale delle dogane (CFL) e in seguito dall’attuale Campus AFD.

Kleinhüningen (Basilea) e Huningue (dipartimento dell’Alto Reno) nel Dreiländereck

In Svizzera esistono alcune località di confine che portano lo stesso nome di luoghi esteri situati nelle immediate vicinanze del confine nazionale. Sulle tracce del passato, Forum D. è andato alla ricerca di ciò che accomuna il quartiere basilese di Kleinhüningen con il comune alsaziano di Huningue.
https://www.ezv.admin.ch/content/ezv/it/home/attualita/forumd/zollgeschichte.html